Slow page dei Missionari della consolata

Sia santificato il tuo nome

Proseguiamo il nostro cammino alla riscoperta del Padre Nostro, prendendo in esame la prima richiesta presente in questa preghiera, “Sia santificato il Tuo Nome”. Ma cosa significa santificare il nome di Dio? Preghiamo insieme affinché il Signore ci riveli i significati di questo verso.

CELEBRANTE: Nel nome del Padre, del Figlio, e dello Spirito Santo.

TUTTI: Amen

CANTO INIZIALE: È BELLO LODARTI
È bello cantare il tuo amore,
è bello lodare il tuo nome.
È bello cantare il tuo amore,
è bello lodarti Signore,
è bello cantare a te. (2v)
Tu che sei l’Amore infinito,
che neppure il cielo può contenere,
ti sei fatto uomo, tu sei venuto qui
ad abitare in mezzo a noi, allora…
È bello cantare il tuo amore…
Tu, che conti tutte le stelle
e le chiami una ad una per nome,
da mille sentieri ci hai radunati qui,
ci hai chiamati figli tuoi, allora…
È bello cantare il tuo amore…

TUTTI: Padre Santo,
ti preghiamo affinché
la tua santità dimori in noi.
Noi ti domandiamo che,
nella nostra anima e nella nostra carne,
il tuo nome divino sia benedetto.
Ti chiediamo che esso sia santificato
non solo in noi, ma in tutti gli uomini
di ieri, di oggi e di domani,
sorelle e fratelli
creati a tua immagine e somiglianza.

GUIDA: Per trovare un significato alla santificazione andiamo a leggere un passo del Vangelo di Giovanni.

CELEBRANTE: Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 17, 1-6).
Così parlò Gesù. Quindi, alzati gli occhi al cielo, disse: «Padre, è giunta l’ora, glorifica il Figlio tuo, perché il Figlio glorifichi te. Poiché tu gli hai dato potere sopra ogni essere umano, perché egli dia la vita eterna a tutti coloro che gli hai dato. Questa è la vita eterna: che conoscano te, l’unico vero Dio, e colui che hai mandato, Gesù Cristo. Io ti ho glorificato sopra la terra, compiendo l’opera che mi hai dato da fare. E ora, Padre, glorificami davanti a te, con quella gloria che avevo presso di te prima che il mondo fosse. Ho fatto conoscere il tuo nome agli uomini che mi hai dato dal mondo. Erano tuoi e li hai dati a me ed essi hanno osservato la tua parola.

GUIDA: Nel brano del Vangelo abbiamo visto come i concetti di santificazione e glorificazione siano molto vicini, se non sovrapposti. Quindi santifichiamo Dio compiendo le opere che ci ha dato da fare e rispettando i suoi insegnamenti, rendendoci buoni cristiani agli occhi degli altri. Un po’ come i nostri genitori naturali sono fieri di noi se ci comportiamo secondo come ci hanno educato.

L1: Dio è troppo spesso una delle tante cose della nostra vita, non è il centro. Dio è molte volte una realtà sfumata che non tocca la nostra esistenza fino in fondo. Gesù ci insegna che questo problema deve starci a cuore più di tutti i problemi, e chiede di pregare anzitutto per questo.

L2: La mia vita, il mio comportamento è lo specchio delle mie convinzioni religiose. Una vita da pagano proclama apertamente che Dio è nulla per noi, una vita da cristiano proclama che Dio è molto per noi, una vita da santo proclama che Dio è veramente tutto per noi.

GUIDA: Ma bisogna essere veramente Santi per glorificare in pieno il nome di Dio? O possiamo fare qualcosa anche nel nostro piccolo nella vita di tutti i giorni? Possiamo essere dei piccoli esempi di “santità”?

L3: Le caratteristiche della Santità sono 9 secondo la Sacra Scrittura: “Ma il frutto dello Spirito è: amore, gioia, pace, pazienza, gentilezza, bontà, fede, mansuetudine, autocontrollo”. (Gal 5:22)

L4: Essere santificati significa essere messi a parte per uso santo. Dio ci ha separati per scopo di santificazione, non per impurità (1Te 4:7) ed essendo tali siamo chiamati a fare lavori buoni (Efe 2:10).

A1: La Santificazione è un processo incessante che continua nella vita di un cristiano su questa terra. A differenza dalle cose o luoghi che sono santificati da Dio nella Bibbia, gli umani hanno la capacità di peccare. Anche se siamo stati messi "a parte" come figli di Dio, continuiamo a comportarci in modo contrario alla santità perfetta.

L5: Quindi, attraverso le nostre buone azioni quotidiane, possiamo essere “santi” nel nostro piccolo, possiamo percorrere incessantemente la STRADA VERSO LA SANTITA’

SEGNO: È lunga la strada verso la santità perfetta, che possiamo raggiungere anche attraverso gli altri. Le panche sono disposte in modo da formare simbolicamente questa strada, al cui termine possiamo osservare ritratti di persone le cui azioni sono state riconosciute da tutti come sante. Anche il nostro essere missionari è segno di santità, quindi anche noi nel nostro piccolo siamo “santi”.

CANTO: Ecco la strada
La strada che percorriamo tutti insieme
è quella del nostro Signore,
non puoi nemmeno pensare
cosa ti può raccontare.
Questa è la strada dell’Amore
che con i passi del cuore
ti farà crescere dentro
e superare i confini che ha posto l’umanità.
Ecco la strada: è la tua, è la mia.
Ecco la vita: è la tua, è la mia.
Tendi la mano e lasciati guidare
ciò che importa è soltanto camminare. (x2)

La strada che percorriamo con gli amici
ci fa scoprire la gioia
di essere sempre felici
perché dovunque andremo
il Signore sarà con noi. Rit.
Non temere se è sassosa, in salita
sotto il sole: è la vita.
Non ti devi arrendere, no!
Non mollare mai!
Se sarai con Lui scoprirai l’Amore.
La sera, quando la strada si fa scura,
e ti vorresti fermare
non smettere di pregare:
ti passerà la paura,
il sole tornerà a brillare
e darà luce ad ogni cuore
perché tu possa capire
che se non scopri l’Amore
il cammino si fermerà. Rit.

L6: Molto spesso tendiamo a classificare tutte quelle persone che hanno lasciato un segno nella storia del mondo come una categoria a parte. Durante la vita però il santo è un uomo come gli altri che può svolgere le più comuni professioni e che lascia un segno indelebile nel cuore della gente che lo incontra.

A2: Sull’esempio dei santi e sulla loro testimonianza possiamo anche noi compiere quei passi che faranno grande il nostro cammino e la nostra vita, imparando a gestire i nostri limiti ma soprattutto mettendo al servizio i nostri talenti, che se tenuti per noi, si tramuterebbero in una sconfitta.

L7: Noi, chiesa missionaria, siamo chiamati a testimoniare le meraviglie che scaturiscono da una vita donata per gli altri e come nessuno sia escluso da questo speciale compito.

Salmo 99
M: Acclamate il Signore, voi tutti della terra,
servite il Signore nella gioia,
presentatevi a lui con esultanza.
F: Riconoscete che solo il Signore è Dio:
egli ci ha fatti e noi siamo suoi,
suo popolo e gregge del suo pascolo.
M: Varcate le sue porte con inni di grazie,
i suoi atri con canti di lode,
lodatelo, benedite il suo nome;
T: Perché buono è il Signore,
il suo amore è per sempre,
la sua fedeltà di generazione in generazione.

G: La strada verso la santità è lunga e difficile, piena di deviazioni, tentazioni e quant’altro ci possa far tornare al punto di partenza, o addirittura far percorrere la strada inversa.

L8: Il comportamento di un figlio riflette l’educazione che egli ha ricevuto dal padre agli occhi degli altri. Questo vale sia per il nostro padre naturale, sia per il nostro Padre spirituale, Dio. E’ vero che possiamo santificare il Suo nome con le nostre buone azioni, ma è anche vero il contrario, che possiamo profanare il suo nome attraverso i nostro comportamenti sbagliati e le nostre scelte che non riflettono i suoi insegnamenti.

L9: “Giovani di ogni continente, non abbiate paura di essere i santi del nuovo millennio! Siate contemplativi e amanti della preghiera; coerenti con la vostra fede e generosi nel servizio ai fratelli, membra attive della Chiesa e artefici di pace” (Giovanni Paolo II, Messaggio XV Giornata Mondiale
della Gioventù).

TUTTI: Ho invocato spesso il tuo nome, Gesù in piccole circostanze della vita: ho sempre trovato aiuto e pace. Cosi sono fiducioso che, se ti avrò invocato con fede, anche nell’ultimo giorno mi darai la salvezza, quella eterna.

GUIDA: Recitiamo tutti insieme infine questa preghiera di Giovanni Paolo II alla Madonna, modello
universale di santità.

TUTTI: Vergine Maria,
Regina dei Santi,
e modello di santità!
Tu oggi esulti con l’immensa schiera
di coloro che hanno lavato le vesti
nel “sangue dell’Agnello”
Tu sei la prima dei salvati,
la tutta Santa, l’Immacolata.
Aiutaci a vincere la nostra mediocrità.
Mettici nel cuore il desiderio
e il proposito della perfezione.
Suscita nella Chiesa,
a beneficio degli uomini d’oggi,
una grande PRIMAVERA DI SANTITA’.

(Benedizione Finale)
CANTO FINALE: Padre Nuestro (Gallego) (spagnolo)
En el mar he oido hoy, Senor,
Tu voz que me llamò y me pidio que me entregara a mis hermanos.
Esa voz me trasformò,
mi vida entera ya cambiò,
y solo pienso ahora, senor, en repetirte.
Padre nuestro en ti creemos.
Padre nuestro, te offrecemos.
Padre nuestro, nuestras manos
de hermanos. (x2)
Cuando vaya a otros lugares
tendrè yo que abandonar
a mi familia y mis amigos por seguirte.
Pero se que asì algunn dia
podrè ensenar tu verdad
a mi hermano y junto a el yo repetirte.

NON ABBIATE PAURA
Non abbiate paura della vostra giovinezza e di quei profondi desideri che provate di felicità, di verità, di bellezza e di durevole amore!
Non abbiate paura e non stancatevi mai di ricercare le risposte vere alle domande che vi stanno di fronte. Cristo, la verità, vi farà liberi!
Non abbiate paura di proclamare, in ogni circostanza il Vangelo della Croce. Non abbiate paura di andare controcorrente!
Non abbiate paura di aspirare alla santità! Del secolo che volge al suo termine e del nuovo millennio, fate un’era di uomini santi!
Non abbiate paura, perché Gesù è con voi! Non abbiate paura di perdervi: più donerete e più ritroverete voi stessi!
Non abbiate paura di Cristo! Fidatevi di lui fino in fondo!
Egli solo “ha parole di vita eterna”. Cristo non delude mai! Non abbiate paura di dire “sì” a Gesù e di seguirlo come suoi discepoli. Allora i vostri cuori si riempiranno di gioia e voi diventerete una Beatitudine per il mondo. Ve lo auguro con tutto il mio cuore.
Non abbiate paura di aprire le porte a Cristo! Sì, spalancate le porte a lui! Non abbiate paura!
(Dai discorsi di Giovanni Paolo II)

Questa è la seconda di una serie di preghiere dedicate al "Padre Nostro".
Per leggere e pregare la prima clicca qui.

Gruppo Arco1 – CAM Martina Franca

The following two tabs change content below.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.